Infermiera del Wisconsin sul fronte di New York di pandemia, poi diagnosticata con COVID-19

Riley è stata un’infermiera per decenni, praticando a Hayward e Cumberland. Ma in aprile, ha deciso di portare le sue abilità al frontline COVID-19 di New York.

“Avevo visto il Governatore Cuomo implorare aiuto”.

È stata collocata al Woodhull Medical Center di Brooklyn, curando pazienti affetti da COVID-19 in una terapia intensiva improvvisata. Molti di quei pazienti combattevano solo per sopravvivere.

“La domenica di Pasqua è stata la giornata più difficile perché quel giorno avevamo sette codici… carrelli d’urto sono stati spinti giù per corridoi, e spinto giù corridoi.

Quel giorno, ha detto che tre pazienti sono morti prima delle 11. Quei ricordi scandio ancora forti emozioni per l’infermiera.

“Ogni giorno stava solo cercando di capire come sarai in grado di tenere in vita i tuoi pazienti”, ha detto tra le lacrime.

E mentre stava curando i pazienti, la sua salute è stata messa a rischio. Buffy ha detto che non c’era un Adeguato PPE.

“PPE non dovrebbe essere qualcosa che indossi cinque giorni di fila”.

Dopo quasi un mese a New York, tornò a Hayward alla fine di aprile. Poco dopo, è risultata positiva per COVID-19.

È in isolamento dal 23 aprile, e i suoi test continuano a tornare positivi.

Anche se è felice di rimanere a casa per mantenere gli altri sani, l’ultimo mese è stato difficile per Buffy. “Vorrei davvero tornare al lavoro e tornare alla mia vita”.

Ma nonostante le difficoltà, Buffy continua a mostrare gratitudine per il sostegno che le è stato dato.

Una mattina, mentre andava al lavoro, i primi soccorritori di New York si misero in fila per applaudire lei e i suoi colleghi.

E a casa nel Wisconsin, amici, familiari e persino sconosciuti le mandarono pacchetti di assistenza durante il suo soggiorno a Brooklyn.

“Non credo che avrei potuto farcela finché l’ho fatto senza quel tipo di supporto”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *