I detenuti del Wisconsin temono le carceri sovraffollate durante la pandemia

Mia White, detenuta al Robert E. Ellsworth Correctional Center di Union Grove, ha numerosi problemi di salute, tra cui un cuore allargato, che rende difficile respirare.

Ma quando il suo medico le raccomandò di lasciare la prigione per ottenere cure mediche, White rifiutò di essere messa in quarantena e incapace di contattare la sua famiglia, e paura di “morire da sola” se contrae va cinormanna su 19, che lei chiama “il nemico invisibile”.

A un anno dalla sua condanna per reato, White prega che non sarà infettata dagli ufficiali penitenziari senza maschere, o dalle donne che siedono nelle sue vicinanze durante i pasti, o dal suo compagno di cella che dorme a meno di 6 piedi da lei.

La vita dentro le mura delle prigioni del Wisconsin si è trasformata quando funzionari e detenuti cercano di rallentare la diffusione del virus. I detenuti dicono che ci sono pulizie più frequenti, e sono state rilasciate maschere di stoffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *